Vie. Mar 24th, 2023

Anche Fox News, una rete che ha tenuto Trump a debita distanza negli ultimi mesi, ha finito per trasmettere alcuni dei suoi discorsi in diretta televisiva a seguito delle lamentele del palco principale del CPAC il giorno prima per la mancanza di copertura Trump.

Nel suo discorso finale del CPAC di un’ora e 45 minuti, Trump si è vantato che la folla qui era fermamente con lui mentre picchiava i repubblicani che una volta erano le star della confab annuale.

«Avevamo un Partito Repubblicano governato da mostri, neoconservatori, globalisti, fanatici dei confini aperti e sciocchi, ma non torneremo mai più al partito di Paul Ryan, Karl Rove e Jeb Bush», ha detto Trump alla folla. “Le persone sono stanche dei RINO e dei globalisti. Vogliono vedere America First.

Parlando a una sala congressi non del tutto piena, Trump ha dipinto un quadro desolante dello stato attuale del mondo, si è lamentato delle numerose indagini che deve affrontare e ha descritto la sua corsa alla presidenza come la «battaglia finale» per i suoi sostenitori.

“O vincono loro o vinciamo noi. E se vincono, non abbiamo più un paese», ha detto Trump.

In precedenza, durante un colloquio con i giornalisti, Trump aveva affermato che sarebbe rimasto «assolutamente» nella corsa del 2024 anche se incriminato in una qualsiasi delle indagini che deve affrontare sulla gestione di documenti riservati e all’indomani delle elezioni del 2020.

Trump ha ricevuto alcuni degli applausi più forti dal pubblico quando ha affrontato battaglie di guerra culturale sui diritti dei genitori e gli sport femminili. E mentre inveiva contro le leggi elettorali, ha cambiato drasticamente la sua melodia sulle votazioni per corrispondenza e sul voto anticipato. «Dobbiamo cambiare il nostro modo di pensare perché sono successe alcune cose brutte», ha detto Trump. «Devi farlo.»

La conferenza annuale una volta accoglieva repubblicani di ogni genere, ma quest’anno è stata chiaramente intrisa di MAGA. Oltre a Trump, gli headliner includevano alcuni dei più fedeli alleati dell’ex presidente al Congresso. E mentre c’erano altri contendenti del 2024 come l’ex ambasciatore delle Nazioni Unite Nikki Haley e l’imprenditore «anti-sveglia» Vivek Ramaswamy, la più grande minaccia alla corsa presidenziale di Trump, il governatore della Florida Ron DeSantis e altri importanti repubblicani erano a centinaia di miglia di distanza.

Questo non sembrava importare alla folla qui.

Durante uno dei discorsi più entusiasmanti della conferenza di più giorni, venerdì l’ex consigliere di Trump e conduttore di talk show conservatore Steve Bannon ha suggerito che l’inizio delle primarie repubblicane fosse un esercizio futile.

«Non innamorarti delle cose primarie», ha detto Bannon dal palco del CPAC. “Hai persone buone e rispettabili. Il governatore DeSantis, Mike Pompeo, Tim Scott, hai Nikki Haley – va tutto bene. Non è rilevante.

Bannon ha continuato dicendo alla folla che «non hanno tempo per l’addestramento sul posto di lavoro» per un nuovo leader, quando i repubblicani hanno «un uomo che ci ha dato quattro anni – quattro anni – di pace e prosperità».

«Allacciate le cinture», Rep. Elise Stefanik (RN.Y.), il repubblicano n. 3 della Camera, ha dichiarato a POLITICO in un’intervista a conclusione della conferenza. «Trump vincerà le primarie e sconfiggerà Joe Biden».

Era un sentimento condiviso dalla maggior parte dei partecipanti al CPAC, che letteralmente indossavano il loro sostegno Trump sulla manica, come un partecipante con un tatuaggio della faccia di Trump. La gente indossava magliette Trump e pochette Trump abbagliate. Hanno posato per le foto in un finto ufficio ovale di Trump allestito da un super PAC pro-Trump, completo di un finto Resolute Desk che proveniva da un negozio di souvenir vicino alla Casa Bianca. Nel complesso, sembravano disinteressati a qualsiasi altro candidato del 2024. E molti non erano esattamente educati riguardo al loro incrollabile sostegno a Trump.

Nonostante abbia raccolto applausi in tutte le parti del suo discorso, Haley è uscita venerdì dalla sala principale davanti a una folla di disturbatori del MAGA che indossavano cappelli. Parte della folla che la circondava è scoppiata in canti di «Trump».

E durante un discorso di Ramaswamy, un altro candidato presidenziale dichiarato, una voce tra la folla ha gridato «Trump 2024!» Ramaswamy ha cercato di disinnescare il breve momento di tensione, dicendo che «ama l’uomo» e che avrebbe discusso dell’ex presidente più avanti nel suo discorso.

Ma quando Ramaswamy è arrivato a quel punto, non ha preso nemmeno un piccolo colpo su Trump, come aveva inizialmente pianificato. Estratti dal suo discorso preparato, ottenuti in anticipo da POLITICO, hanno mostrato che Ramaswamy avrebbe detto che rispetta Trump e crede di avere a cuore l’unità nazionale, ma Trump avrebbe già consegnato l’unificazione del paese se avesse avuto veramente intenzione di farlo.

«Questo è quello che posso offrire che lui non può», aveva programmato di dire Ramaswamy, secondo le osservazioni preparate.

Invece, Ramaswamy ha saltato quella frase, dicendo solo che sia lui che Trump hanno a cuore l’unità nazionale.

A parte un paio di commenti vaghi che potrebbero essere interpretati come frecciatine a Trump – Pompeo che mette in guardia dal seguire «leader famosi» con «ego fragili che rifiutano di riconoscere la realtà» e Haley che chiede nuovamente test di competenza per i politici sopra i 75 anni – nessuno ha osato criticare l’ex presidente.

I rivali di Trump, tuttavia, non sono stati affatto ricompensati da lui per aver trattenuto il fuoco. Poche ore prima di salire sul palco sabato, Trump ha pubblicato un meme sulla sua app di social media di file di sedie vuote mentre Haley era sul palco venerdì. «Nikki Haley parla al CPAC», era blasonato nella parte inferiore dell’immagine.

Ma Trump per lo più si è tenuto a bada quando i giornalisti gli hanno chiesto prima del suo discorso su una potenziale sfida di DeSantis e su cosa si dice sulla sua stessa leadership se gli ex funzionari dell’amministrazione Trump, come Haley, si mettessero in gara. Molti alleati di Trump vedono un vantaggio con un ampio campo primario, con i candidati non Trump che potrebbero frantumare il voto, uno scenario simile a quello che si è svolto nelle primarie del 2016.

“Io dico davvero che più sono meglio è. Voglio dire, pensano di aver fatto un buon lavoro», ha detto Trump. «Sono persone molto ambiziose, ma pensano di aver fatto un buon lavoro.»

Nonostante abbia trattenuto le bordate, Trump non si è impegnato a firmare alcun tipo di impegno di lealtà per partecipare ai dibattiti RNC.

«Ci sono persone che probabilmente non sarei molto felice di sostenere… Non userò nomi, non voglio insultare nessuno, ma non ne sarei felice», ha detto Trump.

Trump ha vinto in modo schiacciante il sondaggio sulla conferenza del CPAC, ottenendo il 62% di sostegno dai partecipanti rispetto al 20% di DeSantis. Il margine di 40 punti di Trump era simile ai sondaggi di paglia condotti agli eventi CPAC degli anni precedenti, illustrando la presa duratura dell’ex presidente sulla classe di attivisti del partito.

Ma il sondaggio presentava una svolta: Perry Johnson, un milionario del Michigan poco conosciuto e candidato governatore fallito che ha annunciato la sua corsa presidenziale la scorsa settimana, ha ottenuto il 5% di sostegno. Ciò ha portato Johnson al terzo posto, davanti a Haley e Ramaswamy.

Johnson, il cui autobus era parcheggiato in modo ben visibile fuori dal Gaylord National, giovedì aveva l’unico stand della campagna nella sala espositiva del CPAC. Il suo staff ha distribuito articoli di marca e ha invitato gli ospiti a partecipare a un ricevimento VIP, incoraggiando anche i partecipanti a votare per lui nel sondaggio di paglia.

La conferenza una volta ha attirato un ampio spettro di voci conservatrici da Paul Ryan a Rick Santorum. Ma ora si è concentrato quasi interamente su Trump e sul movimento America First che ha ispirato. Venerdì sera all’annuale cena di Ronald Reagan, i partecipanti hanno pagato $ 375 per una cena a base di carne e pesce e per ascoltare Kari Lake, il candidato governatore fallito che sta considerando di candidarsi al Senato in Arizona ed è un popolare surrogato di Trump.

«Abbiamo ripreso l’intera faccenda», ha detto il conduttore radiofonico conservatore John Fredericks, definendo l’evento di quest’anno il «CPAC disgregatore di tutti i tempi».

Alcuni dei massimi leader del GOP non si sono presentati al grande raduno quest’anno, mentre anche un importante sponsor del passato, Fox News, si è tenuto alla larga. Matt Schlapp, che dirige il CPAC, non è apparso in rete da quando a gennaio sono emerse accuse di aver aggredito sessualmente un membro dello staff della campagna GOP a ottobre – un’affermazione che Schlapp nega.

“Il CPAC era un’organizzazione sterilizzata, corporatizzata, sostenuta da Wall Street con grandi donatori. Sono stati tutti sradicati”, ha detto Fredericks. “Il movimento populista ha preso il sopravvento”.

Il figlio di Trump, Donald Trump Jr., sua nuora, Lara Trump, e la futura nuora, Kimberly Guilfoyle, erano relatori sul palco principale. Altri headliner includevano alcuni dei più grandi alleati di Trump al Congresso, come il Sen. JD Vance dall’Ohio e Rep. Matteo Gaetz dalla Florida. Ma in particolare, l’unico membro della leadership del Congresso repubblicano a partecipare è stato Stefanik, la deputata di New York che è stata una delle prime a sostenere Trump come presidente. Ha detto che il sostegno a Trump al CPAC è stato un riflesso della «base», aggiungendo: «Trump è nella posizione più forte di gran lunga».

«Non so voi ragazzi, ma questo sembra MAGA Country», ha detto Trump Jr. salendo sul palco venerdì, chiedendo ai partecipanti di controllare sotto i loro posti una tavoletta di cioccolato d’oro – «un biglietto d’oro», ha ha detto, per l’ingresso a un ricevimento esclusivo sabato tenuto da un super PAC a sostegno di suo padre.

Trump Jr. si è quindi rapidamente concentrato sull’attacco ad altri repubblicani che rimuginavano su una corsa alle primarie contro Trump, la maggior parte dei quali ha saltato il CPAC per partecipare a un ritiro dei donatori del Club for Growth a Palm Beach questo fine settimana. Tra coloro che sono apparsi alla chiamata del bestiame del gruppo anti-tasse c’erano DeSantis, Haley, Ramaswamy, l’ex vicepresidente Mike Pence, il senatore della Carolina del Sud. Tim Scotte il governatore del New Hampshire Chris Sununu. Trump non è stato invitato a partecipare all’evento di duello.

«Stanno raccogliendo fondi da persone che non credono necessariamente in America First», ha continuato Trump Jr. «Ma hanno bisogno dei loro soldi.»

All’evento Club for Growth, DeSantis ha pubblicizzato il suo record come governatore della Florida e ha criticato i repubblicani che si sono seduti come «piante in vaso» durante i dibattiti sull’ideologia sveglia, secondo FoxNews. Haley ha cercato di sostenere la sua tesi per essere l’alternativa del GOP a Trump, definendosi «decisiva» per essere entrata ufficialmente nelle primarie mentre altri candidati al ritiro stavano «orlando e agitando in disparte».

«Tutte le principali conferenze che si rivolgono alla base sono con MAGA e le persone sono con Trump», ha affermato Alex Bruesewitz, stratega e influencer repubblicano. «I donatori sono con l’establishment repubblicano di Washington – e c’è una grande disconnessione».

Il CPAC di quest’anno ha avuto i soliti ornamenti della confab annuale di base, come una sala espositiva piena di un assortimento di accessori pro-Trump e stand informativi per le aziende gestite o che si rivolgono ai repubblicani, come uno stand per le cose giuste, un’app per appuntamenti per i single di destra gestiti da un ex aiutante di punta della Casa Bianca di Trump, Johnny McEntee.

All’interno di un ricevimento privato prima del discorso di Trump, un evento sponsorizzato da un super PAC che lo sostiene, Make America Great Again Inc., ha messo in mostra luminari di destra che sono rimasti fedeli sostenitori di Trump.

Gaetz e Rep. Marjorie Taylor Greene (R-Ga.) sono stati fatti passare tra la folla mentre i partecipanti mangiavano Rice Krispy Treats, brownies e cupcakes in miniatura. La coppia è salita sul palco per intrattenere il pubblico mentre Trump rispondeva alle domande dei giornalisti in un’altra stanza prima di fare la sua apparizione davanti alla folla dei VIP. Lago e Rep. Lauren Boebert (R-Colo.) è entrato separatamente, fermandosi a scattare foto con i membri del pubblico solo su invito.

E durante il suo discorso pubblico di sabato, Trump a volte si è fermato per riconoscere alcuni dei suoi sostenitori di alto profilo tra il pubblico che hanno continuato a restare con lui quando è emerso un campo primario. Trump ha elogiato persone come Greene, Gaetz, il conduttore di talk show di destra Mark Levin e altri, ostentando gli influencer conservatori che si sono legati a lui nonostante altri nel partito spingessero silenziosamente per la sua sostituzione.

«Non sapevo che fosse una manifestazione, Matt», ha detto Trump a Schlapp mentre saliva sul leggio in un coro di canti «USA» tra il pubblico. «È davvero un rally.»